IN USCITA

Una bussola delle misure/sanzioni non detentive

La privazione delle libertà personali, non silimita a pene detentive da scontare in un istituto penitenziario. L'ordinamento giuridico italiano prevede una serie di misure alternative, di sicurezza e sanzioni sostitutive, che non rappresentano una privazione totale della libertà, ma una limitazione di essa.


Misure introdotte per  favorirne il reinserimento sociale della persona che ha o ha avuto problemi di giustizia. Modalità diverse di esecuzione della pena, in cui comunque il carcere rimane un aspetto, coinvolgendo anche figure prettamente operanti all'interno delle strutture penali, come il Direttore e gli educatori.
Ruolo fondamentale in questo sistema articolato e complesso assume così l'area penale esterna, in particolar modo il Tribunale di Sorveglianza e l'Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, il primo in quanto organo con compiti di decisione sulla concessione della misura/sanzione alternativa, il secondo perchè struttura che collaborando con il territorio, provvede all'esecuzione delle stesse. Così come conoscere il territorio e i servizi può risultare una valida risposta ai bisogni primari del condannato, per permetterne una reale inclusione sociale e facilitarne la riuscita del "programma di trattamento".
Programmi che si attuano all'interno della comunità, ma che prevedono rigidi requisiti per potervi accedere e il rispetto di una serie di condizioni e obblighi che restringono le libertà personali dei condannati.
dan gribbin fDcwEmqMJls unsplash

Photo by Dan Gribbin on Unsplash

Please publish modules in offcanvas position.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie e la scomparsa di questo banner.
Leggi l'informativa estesa Accetta Rifiuta