Logo Zeromandate.org

Pena e lavoro tra mito è realtà. Indagine sui percorsi di reinserimento socio-lavorativo

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TORINO Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Politiche
272
Torino
2010
Visite: 1317
Valutazione: / 
ScarsoOttimo 

Recensione

Seguendo un genere letterario che sta tra la testimonianza e il rapporto distaccato e generalizzante, ho affrontato i temi del carcere già nella tesi di laurea breve. All’epoca ho cercato di analizzare la devianza tra i devianti. Ero convinto, e lo sono tutt’ora, che l’osservazione partecipante sia tra le migliori metodologie di ricerca sul carcere poiché consente di entrare in un mondo sconosciuto, di vederlo e di viverlo dall’interno e consente “di spiegare la differenza che c’è fra il modo in cui la società civile immagina i detenuti e il modo in cui essi immaginano se stessi”.
Inoltre, credo che le esperienze e il sapere della persona in detenzione siano una risorsa aggiuntiva, nella loro unicità, nella comprensione del fenomeno criminale e delle dinamiche relazionali esistenti tra il dentro e il fuori. È uno dei motivi per cui ho pensato di continuare sulla stessa strada, spostando il focus sugli inserimenti lavorativi di persone provenienti da percorsi penali nella realtà torinese.
[Tratto dalla premessa]